Quanto costa il parquet: guida ai prezzi dei pavimenti in legno al metro quadro

36
views

Il parquet, chiamato anche palchetto, è una pavimentazione in legno molto amata dagli italiani. Il legno utilizzato per crearlo è il massello, ovvero la parte più interna, densa e antica dell’albero. In pratica viene scelta solo la parte legnosa non più vitale, chiamata durame, e non la corteccia. Un altra componente essenziale di un parquet è costituita dal supporto che solitamente è un multistrato di betulla applicato prima della posa.

Il parquet conferisce alle abitazioni un aspetto elegante e accogliente ed è un elemento di arredo intramontabile e sempre più diffuso. Ma quanto costa installare una pavimentazione di questo genere? Quali tipi di legno possiamo scegliere e come cambia il prezzo in base a questo fattore? Quali sono le operazioni che bisogna compiere per avere il proprio pavimento in parquet e quanto costano?

Cerchiamo di fare chiarezza e di rispondere a tutte queste domande.

Fattori che modificano il prezzo del parquet

Tipi di legno, provenienza e lavorazione

Il prezzo totale cambia notevolemente in base al tipo di legno che scegliamo di utilizzare. Alcune varietà specifiche sono più pregiate ed hanno un prezzo elevato ma garantiscono risultati estetici e pratici ben al di sopra del legname più economico.

Un altro fattore da prendere in considerazione è la spesa per il trasporto: certe tipologie di legno vengono prodotte solo in alcuni paesi ed acquistarli significa spendere una cifra considerevole per il loro trasporto. Se decidiamo di comprare una tipologia di legno prodotta in un paese asiatico o africano, dobbiamo obbligatoriamente aspettarci che il prezzo salga.

Alcune specie di legno pregiate, comunque, sono prodotte in Italia e abbiamo la possibilità di acquistare del materiale di ottima fattura senza spendere un’ulteriore fortuna nel trasporto. L’Italia, infatti, è nei primi posti insieme alla Germania per produzione e qualità (oltre ad essere il paese dove il prezzo del legno per parquet è il più alto al mondo). Possiamo decidere, dunque, di acquistare un legno costoso senza quasi spese di spedizione, prediligendo la qualità, oppure comprare un legno meno costoso ma aggiungendo le spese di spedizione. A voi la scelta!

Anche la lavorazione del legno incide sul prezzo finale, perchè bisogna considerare la manodopera e la spese affrontate dall’azienda per lavorare il materiale. In ogni caso, comunque, è necessario accertarsi che sia presente il marchio PEFC o FSC, che certifica la provenienza del legno, la tutela delle foreste e l’assenza di sostanze tossiche nel materiale.

Tra i tipi di legno più costosi (ma anche più belli) abbiamo il noce, il ciliegio e la quercia. Tra i più utilizzati, invece, abbiamo il rovere e l’acero. Per quanto riguarda i prezzi possiamo passare dai 25 euro ai 150 per metro quadro in base al tipo di legno che scegliamo.

Le dimensioni

Come vedremo dopo nei differenti tipi di parquet che si possono utilizzare nella propria abitazione, esistono dimensioni diverse per i singoli elementi che compongono il pavimento. E anch’essi hanno prezzi, dimensioni e spessori variabili.

Lamparquet-listello

Con una lunghezza variabile dai 20 di 35 centimetri, larghezza tra i 5 e i 6 centimetri e spessore di 10 millimetri. I legni esotici raggiungono una larghezza e una lunghezza un pochino maggiore.

Listoncino

Con una lunghezza compresa tra i 30 e i 50 centimetri, larghezza fra  6 e gli 8 centimetri e spessore di 14 millimetri.

Listone

Ha una lunghezza che varia dai 50 centimetri al metro, una larghezza dai 7 ai 10 centimetri e uno spessore di 22 millimetri.

Maxilistone

Con lunghezza tra gli 80 centimetri e 2,5 metri, larghezza dai 10 ai 20 centimetri e spessore di 22 millimetri.

Non tutti gli elementi si possono adattare alle nostre esigenze, se disponiamo di una stanza piccola, ad esempio, non possiamo optare nè per listoni nè per maxilistoni ma probabilmente per i listelli o i listoncini. All’aumentare delle dimensioni aumentano anche i prezzi ma bisogna tenere presente che, più è piccolo il pezzo, più ne serviranno per completare il perimetro della stanza. Dal più piccolo al più grande si parte da un minimo di 13 euro ad un massimo di 60-70 per metro quadrato.

Tipi di parquet

Oltre al legno, anche i tipi di parquet possono essere diversi e anch’essi variabili nel prezzo. Ad ogni tipologia di pavimentazione corrispondono alcuni vantaggi, svantaggi e naturalmente un costo. Vediamo tutti i diversi parquet:

Parquet tradizionale

Formato integralmente di legno massello, in listelli (cioè tavolette), in vari formati ed essenze (per “essenze”, in gergo, si intende il diverso tipo di pianta da cui proviene il legno).

Parquet prefinito

Formato da un’unico strato di legno nobile in listoni, appoggiato su un altro strato più povero. Questa tipologia, rispetto a quella tradizionale , costa meno sia dal punto di vista dell’applicazione sia da quello della manutenzione. Il prezzo parte dai 25 euro/mq per listone fino a 45 euro/mq (circa, ovviamente ci possono essere variazioni in base all’essenza, ai tempi di posa, e ad altri fattori).

Parquet prelevigato

Molto simile al parquet prefinito si distingue per il fatto che non ha lo strato di finitura e può essere personalizzato.

Parquet industriale

Costituito dallo scarto di legno di lavorazioni terze, ha quindi un prezzo di gran lunga inferiore rispetto ai parquet tradizionali. Formato in lamelle può essere costituito da un mix di tipi di legno diversi per una cifra indicativa di 15 euro/mq. Il parquet industriale può essere di diversi tipi: costituito da listelli in legno massiccio solitamente grezzi (che richiedono un maggiori dispendio di soldi durante la posa) con un prezzo molto basso, oppure prefinito, cioè costituito da listoni appoggiati su una base multistrato. In questo secondo caso spendiamo di più per quanto riguarda il metro quadro ma non abbiamo bisogno di ulteriori lavori.

Parquet di legno antico o recuperato

Necessita la partecipazione di un artigiano e consiste nel recupero di materiali da altre fonti per creare un nuovo parquet. Il legno può provenire da parquet antichi, da case smontate o travi di legno di varia natura. Ovviamente il prezzo è maggiore rispetto ai parquet tradizionali e dipende molto dal lavoro dell’artigiano.

Parquet artistico

E’ il parquet con i disegni, che possono essere fantasiosi ed infiniti. Anche in questo caso, come in quello precedente, il prezzo sale notevolmente e dipende da moltissimi fattori come la scelta del legno, la complessità del disegno, l’artista-artigiano che lo realizzerà etc.

La posa

Un altro fattore che modifica il prezzo complessivo dell’installazione del parquet è la posa, che varia in base al tipo di parquet che abbiamo deciso di utilizzare. Per posa si intende la tecnica con cui il parquet verrà fissato a terra.

Esistono diversi tipi di posa:

  • Posa incollata, che, come si intuisce dal nome, consiste nell’incollare a terra il pavimento. E’ indicata per il legno massello e poggia direttamente sullo strato precedente di pavimento, senza che ve ne sia uno intermedio. Il prezzo è variabile dai 12 ai 20 euro al metro quadro.
  • Posa flottante o galleggiante, è un metodo che non richiede l’uso di colla o di particolari lavori. Il parquet, in pratica, viene solo appoggiato sul pavimento precedente e, per fare in modo che non si sposti, si usa un materassino che ne evita lo spostamento. Il prezzo in questo caso è molto simile a quello della posa incollata, per un minimo di 12 euro ed un massimo di 20. Questo metodo è adatto a parquet composti da listoni abbastanza grandi.
  • Posa inchiodata, è la più antica e anche la più costosa. Consiste nel posare dei listelli , chiamati manganelli, fissarli e successivamente inchiodare il parquet. E’ una tecnica molto complessa, che richiede tempo e un professionista del settore. Il prezzo è di circa 50 euro al metro quadro.

Quanto costa il parquet? Riassunto dei prezzi

Ora che abbiamo tutte le informazioni necessarie, cerchiamo di riassumere i prezzi.

Tipi di legno

  • Parquet massello in rovere- 40/50 euro per metro quadro (legno di media qualità)
  • Parquet prefinito in rovere- 20/30 euro per metro quadro
  • Parquet in rovere nodino
  • Parquet industriale- 20 euro al metro quadro
  • Parquet prefinito con finiture rustiche- 60+ euro al metro quadro
  • Parquet prefinito con legno esotico: bamboo,teak- 25 euro al metro quadro
  • Legnami economici: acero, frassino, faggio- 20 euro al metro quadro
  • Legmani più costosi: legno africano, ciliegio, quercia- circa 100 euro al metro quadro

Posa

  • Posa in opera del parquet tradizionale: 50 euro al metro quadro (perchè comprende levigatura e altri servizi)
  • Posa in opera del parquet prefinito: 30 euro al metro quadro
  • Posa flottante: dai 12 ai 20 euro al metro quadro
  • Posa inchiodata: dipende dal professionista che si sceglie, comunque più di 50+ euro al metro quadro

Soluzioni più economiche

Anche se non sono propriamente dei parquet in vero legno, esistono delle soluzioni economiche che sembrano legno e costano molto meno.

Gres porcellanato effetto legno

Riproduce l’effetto visivo del legno ma in realtà è composto di gres, un materiale di ceramica. Così possiamo avere tutte le caratteristiche delle piastrelle come la resistenza all’acqua e lo scarso bisogno di manutenzione ma l’aspetto di un parquet in legno. Il prezzo, di gran lunga inferiore a quello del legno, si aggira intorno ai 15 euro per metro quadro.

Laminato effetto legno

E’ composto da un cuore di fibre di legno tenute insieme da alcune resine con una sottile superficie di plastica che riproduce fedelmente il legno. Questo tipo di “finto parquet” si trova spesso nei negozi e negli uffici. E’ resistente e dura nel tempo, costituendo un’ottima alternativa al parquet tradizionale. Anche per quanto riguarda il prezzo siamo ben al di sotto dell’originale. Il laminato, infatti, si aggira intorno ai 15 euro per metro quadrato.